Come gestire (e proteggere) le informazioni personali sul Web

31 Ago 2017

Ti è mai capitato di navigare sul Web e di trovare in una pagina degli annunci relativi a qualcosa che desideri o che ti serve? A me succede spesso, soprattutto se desidero acquistare qualcosa.

Ma com’è possibile che il Web sappia così tanto di te? In questo articolo descrivo come il Web riesce a raccogliere le tue informazioni personali e come puoi gestirle.

Il Web, per offrirti una navigazione più rapida e personalizzata, recupera le tue informazioni personali tramite diversi strumenti, tra cui:

  • i Browser;
  • i motori di ricerca;
  • i Social Network.

Vediamo questi strumenti nel dettaglio.

Le informazioni personali in memoria sul Browser

Quando navighi sul Web le azioni che puoi effettuare sulla pagina sono molte: dal click ai movimenti del mouse, anche il non fare nulla per il Web è un’azione.

Queste informazioni vengono registrate e possono essere riutilizzate per far effettuare all’utente un’azione ben precisa come accedere a un Sito.

Inoltre possono riconoscere il Browser che stai utilizzando e il dispositivo con il quale navighi sul Web.

La registrazione di queste informazioni accade nel momento in cui clicchi su “Accetta Cookies”. Questa azione dà il consenso a tracciare le attività che fai sul sito e mentre navighi sul Web.

Accetta Cookies

Come gestire le informazioni personali sul Browser

Per gestire le tue informazioni personali sul Web puoi agire in due modi:

  1. navigare in incognito. La navigazione in incognito non salva le tue ricerche nella cronologia e quindi le tue informazioni personali;
  2. installare software anti-tracking sul tuo Browser. In commercio ne esistono molti. Questi programmi permettono di compilare una lista di siti segnalati come “indesiderati” e bloccare gli elementi presenti nella lista.

Le informazioni personali in memoria sui motori di ricerca

I motori di ricerca e i Browser lavorano insieme, poiché la ricerca e la navigazione sul Web inizia proprio da loro.

NetApplication ha prodotto un grafico che mostra il motore di ricerca più utilizzato sui dispositivi Desktop: Google.

Quale motore di ricerca è più utilizzato sui dispositivi Desktop

NetMarketShar – http://www.netmarketshare.com/search-engine-market-share.aspx?qprid=4&qpcustomd=0

Grazie all’implementazione di diversi strumenti, che accompagnano l’utente nella vita quotidiana e di numerosi siti Partner, Google sa molte cose sul nostro conto, soprattutto se accediamo tramite un indirizzo Gmail.

Questo permette a Google di personalizzare annunci e contenuti seguendo le preferenze di ricerca dell’utente. Un esempio è YouTube, che ti propone video o canzoni dello stesso genere di quelli visti o ascoltati in precedenza.

Come gestire le informazioni persoli sul Browser sul motore di ricerca Google

Puoi cambiare le impostazioni del tuo account di Google, in questo modo:

  1. apri il Browser e vai alla pagina di ricerca Google;
  2. in alto a destra trovi l’icona del tuo account, cliccaci sopra e seleziona la voce Account personale.
    Accedi alla sezione "Account personale"
  3. si aprirà una pagina in cui potrai settare le impostazioni di sicurezza, della privacy e le preferenze dell’account. Nella sezione “Dati personali e privacy” clicca su Impostazioni annunci.
    Aumentare la sicurezza del tuo account
  4. all’apertura della pagina clicca su Gestisci le impostazioni annunci.
    Clicca su "Gestisci le impostazioni annunci"
  5. ora potrai decidere se mantenere attivi gli annunci o meno e potrai rimuovere le informazioni personali che vengono fornite ai partner di Google.
    Personalizzazione degli annunci

Le informazioni personali in memoria sui Social Network

I social Network sono quelle applicazioni che “conoscono” gli utenti al meglio. Quando ci iscriviamo a un canale Social possiamo inserire diverse informazioni personali come:

  • il livello e la scuola di istruzione;
  • il luogo di lavoro;
  • la situazione sentimentale e molto altro.

Ci sono anche delle informazioni che i Social Network rintracciano in base alle azioni che fai su una pagina o cliccando su un inserzione. In seguito ti spiego come limitare la diffusione delle informazioni personali da Facebook e da Twitter.

Come gestire le informazioni personali su Facebook

Per ridurre il numero di inserzioni che compaiono su Facebook o in altri dispositivi puoi seguire questi brevi passaggi.

  1. Accedi al tuo profilo Facebook
  2. Seleziona l’icona del triangolo in alto a destra e clicca su Impostazioni.
    Accedi al menu impostazioni
  3. In questa pagina puoi trovare diverse impostazioni per personalizzare e proteggere il tuo account. Per gestire gli annunci clicca su Inserzioni.
    Pagina per personalizzare e proteggere il tuo account
  4. Per limitare la visualizzazione di inserzioni sulla homepage o su altri dispositivi apri la pagina “Impostazioni delle inserzioni”.
    Impostazioni delle inserzioni

Nella stessa pagina potrai anche correggere gli interessi che Facebook ha registrato su di te. Per farlo dovrai aprire la sezione “I tuoi interessi”.

I tuoi interessi

Come gestire le informazioni personali su Facebook

Anche Twitter registra le attività che effettui con il tuo profilo.

Con la nuova versione sono cambiati i termini relativi alla privacy, alcune informazioni personali possono essere condivise e recepite dagli advertiser.

Puoi disattivare questa funzione con dei semplici click.

  1. Accedi al tuo profilo Twitter.
  2. Clicca sull’immagine del profilo in alto a destra e seleziona Impostazioni e privacy.
    Tendina del menu profilo di Twitter
  3. In questa pagina puoi trovare diverse voci utili per settare le impostazioni del profilo. Ora dovrai selezionare Privacy e sicurezza.
  4. Nella sezione “Personalizzazione dati” clicca su Modifica.
    Pagina delle impostazioni
  5. In questa pagina puoi scegliere in che modo Twitter può utilizzare le informazioni personali che raccoglie e a chi può condividere questi dati.
    Personalizzazione e dati

Come gestire (e proteggere) i dati personali sul Web: le conclusioni

Il Web registra diverse informazioni personali sulle preferenze e sulle abitudini dell’utente, sui dispositivi, sulla rete e molto altro.

Tutte queste informazioni servono per personalizzare la navigazione e far trovare all’utente ciò che necessita nel minor tempo possibile.

Se vuoi evitare che il Web conosca le tue abitudini, puoi seguire i semplici passaggi che ho descritto nell’articolo per rimuovere il tracking da Google, dai Browser e dai Social Network.

Ora tocca a te. Cosa pensi della personalizzazione dei risultati di ricerca sul Web? Lascia la tua opinione nei commenti.


Laura Daccò

Marketing e Comunicazione presso Ithesia Sistemi

Lascia un commento